Newsletter Opera - approfondimenti

Bonus a fondo perduto: gli ultimi aggiornamenti

Bonus a fondo perduto: gli ultimi aggiornamenti

Sabato 13 giugno 2020 l’Agenzia delle Entrate ha diffuso una circolare sul contributo a fondo perduto per gli esercenti delle attività d’impresa, di lavoro autonomo o agrario, titolari di partita Iva, con ricavi e/o compensi inferiori a € 5 milioni nel 2019, colpiti dall’emergenza epidemiologica “Covid 19”.

Il contributo è aperto anche alle aziende esercenti attività agricola o commerciale in forma di impresa cooperativa e, a determinate condizioni, alle società tra professionisti. Rientrano tra i beneficiari del contributo anche i soggetti che hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di Comuni che già versavano in uno stato di emergenza per eventi calamitosi alla data di insorgenza della pandemia in tali casi, il contributo a fondo perduto Covid-19 spetta anche se, per esempio, l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 fosse pari a zero. Pertanto, in questo caso spetterà il contributo minimo.

Sono, invece, esclusi i contribuenti la cui attività sia cessata alla data di presentazione della domanda di accesso al contributo.

I soggetti interessati a ottenere il contributo devono presentare, esclusivamente in via telematica, un’istanza all’Agenzia delle Entrate con l’indicazione della sussistenza di tutti i requisiti, entro 60 giorni dalla data di avvio della procedura. In caso di contributo di importo superiore a € 150.000, il modello dell’istanza deve essere firmato digitalmente e inviato esclusivamente tramite PEC.

A prescindere dalle modalità di determinazione del reddito e della determinazione della soglia, in linea di principio, non sono inclusi gli altri componenti positivi di reddito tra cui:

  • i corrispettivi delle cessioni di beni e delle prestazioni di servizi alla cui produzione o al cui scambio è diretta l'attività dell'impresa;
  • i corrispettivi delle cessioni di materie prime e sussidiarie, di semilavorati e di altri beni mobili, esclusi quelli strumentali, acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione