Ruota il dispositivo per accedere correttamente ai contenuti del sito.

News

NASCE IL D.E.S. - Distretto Economia Solidale

UN CONVEGNO PER PARLARE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE D’IMPRESA E LANCIARE IL DISTRETTO DELL’ECONOMIA SOLIDALE DI FIEMME E FASSA

dal 23 novembre 2019

UN CONVEGNO PER PARLARE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE D’IMPRESA
E LANCIARE IL DISTRETTO DELL’ECONOMIA SOLIDALE DI FIEMME E FASSA

Sabato 23 novembre, dalle 9 alle 17, al PalaFiemme di Cavalese

Aziende e responsabilità sociale d’impresa: una sfida per far crescere la comunità”: questo il titolo del convegno organizzato, in collaborazione con la Val di Fiemme Cassa Rurale, dal Distretto dell’Economia Solidale di Fiemme e Fassa, il nuovo laboratorio di sperimentazione civica, economica e sociale gestito da una cabina di regia composta dalla Comunità Territoriale della Val di Fiemme, dal Comun General de Fascia e dalle cooperative sociali Le Rais, Oltre, Terre Altre e Progetto 92.

L’appuntamento è per sabato 23 novembre dalle 9 alle 17, al PalaFiemme di Cavalese.

Un programma ricco che prevede, oltre alla presentazione del progetto del Distretto dell’Economia Solidale di Fiemme e Fassa, anche gli interventi del professore ordinario di Economia Politica all’Università di Bologna Stefano Zamagni su “Imprese socialmente responsabili per il benessere della comunità” e della vicepresidente della cooperativa sociale QUID (brand di moda etica e sostenibile) Valeria Valotto su “Buone prassi: presentazione del progetto QUID”.

Dopo il rinfresco, il pomeriggio continua con una tavola rotonda sugli ingredienti chiave delle alleanze tra pubblico e privato a sostegno della comunità, con la dirigente del Servizio politiche sociale della Provincia Autonoma di Trento Federica Sartori; la vicepresidente della cooperativa sociale QUID Valeria Valotto; la presidente di Trentino Green Network Laura Ricci; il vicedirettore della Val di Fiemme Cassa Rurale Massimo Piazzi; Francesco Gabbi della Fondazione Franco Demarchi. 

La partecipazione è libera e gratuita ed è consigliata la prenotazione CLICCA QUI
In particolare, sono invitati rappresentanti di aziende e associazioni del territorio. Saranno presenti anche alcune classi dell’istituto scolastico “La Rosa Bianca” di Cavalese e Predazzo.

Ampio spazio sarà dedicato al Distretto dell’Economia Solidale di Fiemme e Fassa, progetto che ha ottenuto un finanziamento triennale di 150.000 euro nell’ambito di un bando promosso dalla Fondazione Caritro, dalla Provincia Autonoma di Trento unitamente al Consiglio per le Autonomie Locali e alla Fondazione Demarchi per sostenere progetti di welfare generativo programmati e realizzati con logiche di comunità.

“Puntiamo a potenziare le opportunità di inserimento lavorativo per persone che evidenziano fragilità di vario tipo, promuovendo l’impresa sociale e la cultura della solidarietà e della reciprocità. L’obiettivo è far sì che le cooperative che forniranno i servizi possano portare avanti attività sostenibili dal punto di vista economico. Per questo si è pensato a progetti innovativi, rispondenti a bisogni del territorio e delle sue imprese e capaci di essere sostenibili dal punto di vista economico”, spiega il referente tecnico del progetto Matteo Dallabona.

Tra le iniziative già operative, un laboratorio di produzione e vendita di uova gestito dalla cooperativa Terre Altre. La cooperativa Oltre, invece, avvierà una lavanderia negli spazi del Centro Servizi di Cavalese, puntando ad intercettare i bisogni di alberghi e aziende che attualmente appaltano fuori valle il lavaggio di biancheria e uniformi.

Progetto 92 cercherà, invece, di coinvolgere la fascia dei più giovani a rischio di esclusione sociale in un progetto di catering, in collaborazione con la scuola alberghiera. I professionisti della cooperativa Le Rais si occuperanno di monitorare e certificare le competenze acquisite dai partecipanti ai progetti, così da aiutarli nella stesura dei curriculum e nella ricerca di lavoro al termine del periodo di formazione.

Ciò a cui punta il progetto è la creazione di una rete capace di mettere in contatto pubblico e privato, profit e no profit, sviluppando una cultura incentrata sulla responsabilità sociale. Alcune imprese del territorio sono già partner del progetto: Pastificio Felicetti, Fiemme 3000, Famiglia Cooperativa Val di Fiemme, Cassa Rurale Val di Fiemme. Ora l’obiettivo è quello di ampliare gli aderenti al progetto: il convegno del 23 novembre sarà l’occasione per coinvolgere nuove aziende e realtà del territorio in una riflessione su questa rete di sostegno reciproco volta a soddisfare le necessità di acquisto, vendita, scambio di beni, servizi e informazioni secondo principi ispirati ad un’economia locale, equa, solidale e sostenibile.

  • Seguici anche su