Opera Club

Newsletter Opera è il servizio esclusivo riservato ai titolari di un conto corrente Opera

Lavoro2

newsletter opera

Newsletter Opera è il servizio esclusivo riservato ai titolari di un conto corrente Opera

newsletter opera

Newsletter Opera è il servizio esclusivo riservato ai titolari di un conto corrente Opera

Nell'ambito delle disposizioni attuative della Riforma fiscale, è stato pubblicato il D.Lgs. n. 209/2023 sulla Gazzetta Ufficiale del 28 dicembre 2023, dedicato alla revisione della fiscalità internazionale. Tra le novità introdotte, spicca l'introduzione di nuovi criteri per determinare la "residenza fiscale" delle persone fisiche a partire dall'1 gennaio 2024, criterio rilevante per stabilire l'imposizione fiscale sul loro reddito.

Libri

I nuovi criteri della “residenza fiscale” delle persone fisiche dal 2024

Nell'ambito delle disposizioni attuative della Riforma fiscale, è stato pubblicato il D.Lgs. n. 209/2023 sulla Gazzetta Ufficiale del 28 dicembre 2023, dedicato alla revisione della fiscalità internazionale. Tra le novità introdotte, spicca l'introduzione di nuovi criteri per determinare la "residenza fiscale" delle persone fisiche a partire dall'1 gennaio 2024, criterio rilevante per stabilire l'imposizione fiscale sul loro reddito.

In seguito alla proroga stabilita dall'art. 1, comma 37, Legge n. 234/2021 (Finanziaria 2022), le detrazioni ordinarie per le spese relative al recupero del patrimonio edilizio, alla riqualificazione energetica e agli acquisti inclusi nel bonus arredo saranno valide fino al 31 dicembre 2024. Come già accaduto in precedenza, il contribuente deve inviare all'ENEA le informazioni sui lavori entro 90 giorni dalla loro conclusione, allo scopo di ottenere la detrazione per la riqualificazione energetica e per monitorare il risparmio energetico derivante da interventi di recupero edilizio e acquisti rientranti nel bonus arredo.

Appartamento

Attivato il portale ENEA 2024

In seguito alla proroga stabilita dall'art. 1, comma 37, Legge n. 234/2021 (Finanziaria 2022), le detrazioni ordinarie per le spese relative al recupero del patrimonio edilizio, alla riqualificazione energetica e agli acquisti inclusi nel bonus arredo saranno valide fino al 31 dicembre 2024. Come già accaduto in precedenza, il contribuente deve inviare all'ENEA le informazioni sui lavori entro 90 giorni dalla loro conclusione, allo scopo di ottenere la detrazione per la riqualificazione energetica e per monitorare il risparmio energetico derivante da interventi di recupero edilizio e acquisti rientranti nel bonus arredo.

La dichiarazione IVA annuale a credito offre al contribuente diverse opzioni:
  • Riportare il credito all'anno successivo e scomputarlo nelle liquidazioni periodiche relative;
  • Riportare il credito all'anno successivo e utilizzarlo in compensazione;
  • Richiedere un rimborso.

€5

L'utilizzo del credito IVA 2023

La dichiarazione IVA annuale a credito offre al contribuente diverse opzioni:

  • Riportare il credito all'anno successivo e scomputarlo nelle liquidazioni periodiche relative;
  • Riportare il credito all'anno successivo e utilizzarlo in compensazione;
  • Richiedere un rimborso.

Nell'ambito della Legge n. 234/2021, nota come Finanziaria 2022, l'articolo 1, comma 375, ha istituito un Fondo straordinario destinato a sostenere l'editoria, con una dotazione finanziaria di € 90 milioni per l'anno 2022 e di € 140 milioni per l'anno 2023. Attraverso il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) datato 10 agosto 2023, le risorse destinate al 2023 sono state suddivise, prevedendo il riconoscimento di un contributo straordinario fino a € 2.000 (incrementato a € 3.000 per i punti vendita esclusivi situati nelle Aree interne, come definite nella Mappa Aree Interne 2020, aggiornata dal Comitato Interministeriale per la Programmazione e lo Sviluppo Sostenibile), entro un limite complessivo di € 4 milioni, a favore delle imprese che gestiscono punti vendita esclusivi per la distribuzione di giornali e riviste.

Giornale

Il Bonus (UNA TANTUM) Edicole 2024

Nell'ambito della Legge n. 234/2021, nota come Finanziaria 2022, l'articolo 1, comma 375, ha istituito un Fondo straordinario destinato a sostenere l'editoria, con una dotazione finanziaria di € 90 milioni per l'anno 2022 e di € 140 milioni per l'anno 2023. Attraverso il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (DPCM) datato 10 agosto 2023, le risorse destinate al 2023 sono state suddivise, prevedendo il riconoscimento di un contributo straordinario fino a € 2.000 (incrementato a € 3.000 per i punti vendita esclusivi situati nelle Aree interne, come definite nella Mappa Aree Interne 2020, aggiornata dal Comitato Interministeriale per la Programmazione e lo Sviluppo Sostenibile), entro un limite complessivo di € 4 milioni, a favore delle imprese che gestiscono punti vendita esclusivi per la distribuzione di giornali e riviste.

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2024. Al suo interno sono presenti diverse novità, oltre che alcune previsioni già contenute nel ddl. Di seguito sono riportate le maggiori novità.

Penna Su Foglio

Le novità della finanziaria 2024

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2024. Al suo interno sono presenti diverse novità, oltre che alcune previsioni già contenute nel ddl. Di seguito sono riportate le maggiori novità.

Con la pubblicazione del DL n. 212/2023, noto come "Decreto salva Superbonus", in vigore dal 30.12.2023, sono state apportate alcune modifiche importanti:
  • Il diritto alla detrazione del 110% non si annulla per interventi non completati entro il 31.12.2023, con opzioni di sconto in fattura o cessione del credito esercitate fino a quella data, anche senza raggiungere il miglioramento energetico richiesto;
  • È introdotto un nuovo contributo per coloro che si trovano in questa situazione, con un "reddito di riferimento" fino a € 15.000, per le spese sostenute dal 1.1 al 31.10.2024;
  • È rivisto l'ambito di applicazione dell'esonero dal blocco della possibilità di optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito;
  • È ristretto l'ambito applicativo della detrazione del 75% per le spese di eliminazione delle barriere architettoniche.

Bonus

Le novità del "Decreto salva Superbonus"

Con la pubblicazione del DL n. 212/2023, noto come "Decreto salva Superbonus", in vigore dal 30.12.2023, sono state apportate alcune modifiche importanti:

  • Il diritto alla detrazione del 110% non si annulla per interventi non completati entro il 31.12.2023, con opzioni di sconto in fattura o cessione del credito esercitate fino a quella data, anche senza raggiungere il miglioramento energetico richiesto;
  • È introdotto un nuovo contributo per coloro che si trovano in questa situazione, con un "reddito di riferimento" fino a € 15.000, per le spese sostenute dal 1.1 al 31.10.2024;
  • È rivisto l'ambito di applicazione dell'esonero dal blocco della possibilità di optare per lo sconto in fattura o la cessione del credito;
  • È ristretto l'ambito applicativo della detrazione del 75% per le spese di eliminazione delle barriere architettoniche.

Con l'approvazione definitiva della Legge n. 213/2023, Finanziaria 2024, sono state confermate e modificate alcune delle proposte del disegno di legge in merito alla tassazione dei redditi provenienti dalla "locazione breve" e dalla vendita degli immobili soggetti a interventi con detrazione del 110%, come illustrato di seguito.

Mano Con Chiavi

Le novità in materia di tassazione immobiliare

Con l'approvazione definitiva della Legge n. 213/2023, Finanziaria 2024, sono state confermate e modificate alcune delle proposte del disegno di legge in merito alla tassazione dei redditi provenienti dalla "locazione breve" e dalla vendita degli immobili soggetti a interventi con detrazione del 110%, come illustrato di seguito.

Al fine di affiancare le Autorità fiscali dei singoli Stati membri, l’UE ha fornito gli strumenti utili per individuare eventuali frodi IVA nell’e-commerce con il D.Lgs. n. 153/2023, emanato in attuazione della Direttiva UE n. 284/2020, operativi a partire dal primo gennaio 2024. Nello specifico, i nuovi obblighi a carico dei c.d. “prestatori di servizi di pagamento” consistono nella conservazione dei dati dei pagamenti transfrontalieri e nell’invio degli stessi all’Agenzia delle Entrate. Quest’ultima, a sua volta, trasmetterà le informazioni ricevute al Sistema elettronico centrale di informazioni sui pagamenti (CESOP) avente il compito di archiviare, aggregare e analizzare, in relazione ai singoli beneficiari, i dati trasmessi dai singoli Stati UE.

E Commerce

E-commerce al centro delle attenzioni dell'UE dal 2024

Al fine di affiancare le Autorità fiscali dei singoli Stati membri, l’UE ha fornito gli strumenti utili per individuare eventuali frodi IVA nell’e-commerce con il D.Lgs. n. 153/2023, emanato in attuazione della Direttiva UE n. 284/2020, operativi a partire dal primo gennaio 2024. Nello specifico, i nuovi obblighi a carico dei c.d. “prestatori di servizi di pagamento” consistono nella conservazione dei dati dei pagamenti transfrontalieri e nell’invio degli stessi all’Agenzia delle Entrate. Quest’ultima, a sua volta, trasmetterà le informazioni ricevute al Sistema elettronico centrale di informazioni sui pagamenti (CESOP) avente il compito di archiviare, aggregare e analizzare, in relazione ai singoli beneficiari, i dati trasmessi dai singoli Stati UE.

Il 28 novembre 2023 è stato convertito il “Decreto Proroghe”. In sede di conversione, oltre alla conferma delle disposizioni contenute nel Decreto originario, sono state introdotte una serie di novità, di seguito illustrate.

Decreto Proroghe

Le novità del "Decreto Proroghe" dopo la conversione in legge

Il 28 novembre 2023 è stato convertito il “Decreto Proroghe”. In sede di conversione, oltre alla conferma delle disposizioni contenute nel Decreto originario, sono state introdotte una serie di novità, di seguito illustrate.

Si rammenta che, entro il prossimo 27 dicembre, i soggetti IVA sono tenuti a versare l’acconto IVA 2023. L’importo versato sarà scomputato dalla liquidazione periodica del mese di dicembre / quarto trimestre o in sede di dichiarazione annuale (soggetti trimestrali).

Immagine1

L'acconto IVA 2023

Si rammenta che, entro il prossimo 27 dicembre, i soggetti IVA sono tenuti a versare l’acconto IVA 2023. L’importo versato sarà scomputato dalla liquidazione periodica del mese di dicembre / quarto trimestre o in sede di dichiarazione annuale (soggetti trimestrali).

L’articolo che disciplina il regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d’impresa / lavoro autonomo che rispettano determinati requisiti. Il reddito su cui applicare l’imposta sostitutiva del 15% o 5% è calcolato o applicando ai ricavi / compensi percepiti il coefficiente di redditività differenziato a seconda dell’attività esercitata oppure al netto dei contributi previdenziali dovuti per legge.

Desk

Il monitoraggio di fine anno dei contribuenti forfetari

L’articolo che disciplina il regime forfetario riservato alle persone fisiche esercenti attività d’impresa / lavoro autonomo che rispettano determinati requisiti. Il reddito su cui applicare l’imposta sostitutiva del 15% o 5% è calcolato o applicando ai ricavi / compensi percepiti il coefficiente di redditività differenziato a seconda dell’attività esercitata oppure al netto dei contributi previdenziali dovuti per legge.

Come è noto, la disciplina antiriciclaggio richiede alle imprese dotate di personalità giuridica, alle persone giuridiche private tenute all’iscrizione nello specifico Registro, ai trust e agli istituti giuridici affini stabiliti / residenti in Italia, di comunicare al Registro Imprese i dati e le  informazioni relative ai titolari effettivi, con il preciso scopo di procedere all’iscrizione di queste ultime nell’apposita Sezione Autonoma / Sezione Speciale.

PC

La comunicazione del titolare effettivo e il modulo TE

Come è noto, la disciplina antiriciclaggio richiede alle imprese dotate di personalità giuridica, alle persone giuridiche private tenute all’iscrizione nello specifico Registro, ai trust e agli istituti giuridici affini stabiliti / residenti in Italia, di comunicare al Registro Imprese i dati e le  informazioni relative ai titolari effettivi, con il preciso scopo di procedere all’iscrizione di queste ultime nell’apposita Sezione Autonoma / Sezione Speciale.

È stato reso noto l’indice ISTAT, relativo al mese di settembre 2023, specifico dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.

TABLET

Indice dei prezzi al consumo per le famiglie - Istat

È stato reso noto l’indice ISTAT, relativo al mese di settembre 2023, specifico dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.

È stato recentemente è stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale, l’atteso “Decreto Proroghe”, nell’ambito del quale sono contenute disposizioni di proroga di termini normativi e versamenti fiscali.

Coppia Che Si Stringe La Mano

Le novità del c.d. "Decreto proroghe"

È stato recentemente è stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale, l’atteso “Decreto Proroghe”, nell’ambito del quale sono contenute disposizioni di proroga di termini normativi e versamenti fiscali.

Nel quadro RU del mod. REDDITI 2023 devono essere indicati i crediti d’imposta spettanti relativi agli investimenti in beni strumentali quali materiali e immateriali “generici” e “Industria 4.0”.

Lavoro Del Ferro E Scintille

I crediti d'imposta beni strumentali e il mod. redditi 2023

Nel quadro RU del mod. REDDITI 2023 devono essere indicati i crediti d’imposta spettanti relativi agli investimenti in beni strumentali quali materiali e immateriali “generici” e “Industria 4.0

Per effettuare il versamento tramite il mod. F24 delle sanzioni ridotte in caso di ravvedimento del tardivo / omesso versamento di ritenute / trattenute dichiarate nel mod. 770, in luogo del generico codice tributo “8906” (soppresso), devono essere utilizzati codici differenziati a seconda della tipologia di ritenuta oggetto di regolarizzazione.

Tax

Nuovi codici tributo per le sanzioni da ravvediamento delle ritenute

Per effettuare il versamento tramite il mod. F24 delle sanzioni ridotte in caso di ravvedimento del tardivo / omesso versamento di ritenute / trattenute dichiarate nel mod. 770, in luogo del generico codice tributo “8906” (soppresso), devono essere utilizzati codici differenziati a seconda della tipologia di ritenuta oggetto di regolarizzazione.

Per lenire gli effetti economici derivanti dagli aumenti dei carburanti, il Legislatore ha stanziato specifici fondi per il 2022 / 2023 a favore delle imprese di autotrasporto merci / esercenti l’attività di trasporto di persone su strada. In data 16.8.2023 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha annunciato la firma dei Decreti attuativi delle predette agevolazioni e ha anticipato le modalità di presentazione delle domande per la richiesta dei crediti d’imposta.

Foto Autostrada

Via libera per la richiesta dei "bonus carburante" previsti dal "decreto lavoro"

Per lenire gli effetti economici derivanti dagli aumenti dei carburanti, il Legislatore ha stanziato specifici fondi per il 2022 / 2023 a favore delle imprese di autotrasporto merci / esercenti l’attività di trasporto di persone su strada. In data 16.8.2023 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha annunciato la firma dei Decreti attuativi delle predette agevolazioni e ha anticipato le modalità di presentazione delle domande per la richiesta dei crediti d’imposta.

È stata recentemente pubblicata sulla G.U. 16.8.2023, n. 190 la Legge n. 112/2023 di conversione del DL n. 75/2023, c.d. “Decreto PA-bis” contenente, nello specifico, alcune disposizioni in materia di:
  • previsione dell’esenzione IVA per le prestazioni connesse alla pratica dello stesso;
  • estensione del c.d. “Bonus sponsorizzazioni sportive” anche alle spese sostenute dall’1.7 al 30.9.2023.

Nuotatore

Il c.d. "Decreto PA-BIS" e le novità per le società / associazioni sportive

È stata recentemente pubblicata sulla G.U. 16.8.2023, n. 190 la Legge n. 112/2023 di conversione del DL n. 75/2023, c.d. “Decreto PA-bis” contenente, nello specifico, alcune disposizioni in materia di:

  • previsione dell’esenzione IVA per le prestazioni connesse alla pratica dello stesso;
  • estensione del c.d. “Bonus sponsorizzazioni sportive” anche alle spese sostenute dall’1.7 al 30.9.2023.

È stata pubblicata, in Gazzetta Ufficiale, una nuova proroga pari a 3 mesi per completare i lavori sugli edifici unifamiliari e assimilati con agevolazione al 110%. Tale scelta mira a concedere più tempo per l’ultimazione dei lavori a chi sta eseguendo interventi ed ha già raggiunto il 30% dell’intervento complessivo al 30 settembre 2022. Inoltre è previsto l’invio all’Agenzia delle Entrate di una nuova Comunicazione, da parte dell’ultimo cessionario, per i crediti che risultano non utilizzabili per una causa diversa dal decorso del termine ultimo di utilizzo degli stessi.

Case Nel Bosco

INTERVENTI CON 110% SU UNIFAMILIARI: NUOVA PROROGA AL 31 DICEMBRE 2023

È stata pubblicata, in Gazzetta Ufficiale, una nuova proroga pari a 3 mesi per completare i lavori sugli edifici unifamiliari e assimilati con agevolazione al 110%. Tale scelta mira a concedere più tempo per l’ultimazione dei lavori a chi sta eseguendo interventi ed ha già raggiunto il 30% dell’intervento complessivo al 30 settembre 2022.

Inoltre è previsto l’invio all’Agenzia delle Entrate di una nuova Comunicazione, da parte dell’ultimo cessionario, per i crediti che risultano non utilizzabili per una causa diversa dal decorso del termine ultimo di utilizzo degli stessi.

L'indice dei prezzi al consumo è utilizzato per calcolare l'aggiornamento dei canoni di locazione immobiliare e per la rivalutazione degli assegni di mantenimento dovuti all'ex coniuge in caso di separazione/divorzio. 

Liv Bruce Odihqypcuuk Unsplash

Indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati

L'indice dei prezzi al consumo è utilizzato per calcolare l'aggiornamento dei canoni di locazione immobiliare e per la rivalutazione degli assegni di mantenimento dovuti all'ex coniuge in caso di separazione/divorzio. 

Le ditte individuali devono riportare i dati relativi all'agevolazione ACE spettante per il 2022 nel mod. REDDITI 2023 PF.

Calcolatrice

L'ACE 2022/Recapture 2021 e il mod. redditi 2023 PF (ditte individuali)

Le ditte individuali devono riportare i dati relativi all'agevolazione ACE spettante per il 2022 nel mod. REDDITI 2023 PF.

Con la pubblicazione sulla G.U.U.E. della specifica Decisione del Consiglio UE è stata ufficializzata la proroga fino al 30.06.2026 per l'applicazione dello split payment per le cessioni/prestazioni a favore delle Amministrazioni Pubbliche e delle società/Enti ad esse "collegati".

Split

Ufficiale la proroga dello split payment fino al 30.06.2026

Con la pubblicazione sulla G.U.U.E. della specifica Decisione del Consiglio UE è stata ufficializzata la proroga fino al 30.06.2026 per l'applicazione dello split payment per le cessioni/prestazioni a favore delle Amministrazioni Pubbliche e delle società/Enti ad esse "collegati".

Lezione a Trento, studenti a Predazzo: è possibile? Certamente, se si parla dell’opportunità di laurea part-time in Gestione Aziendale! Per conoscere tutta la storia abbiamo parlato con il responsabile del corso, il professor Pier Luigi Novi Inverardi, e con Anita Defrancesco, studentessa al secondo anno. 

Laurea Gestione Aziendale

Lezione a Trento, studenti a Predazzo: è possibile? Certamente, se si parla dell’opportunità di laurea part-time in Gestione Aziendale!

Per conoscere tutta la storia abbiamo parlato con il responsabile del corso, il professor Pier Luigi Novi Inverardi, e con Anita Defrancesco, studentessa al secondo anno.

In sede di conversione del c.d. "Decreto Omnibus" è stata ufficializzata la proroga, già annunciata dal MEF, del termine di versamento del saldo 2022 e del primo acconto 2023 delle imposte sui redditi nonchè del saldo IVA 2022 a favore dei soggetti ISA, compresi i forfetari e i minimi nonchè i soci, associati, collaboratori di società, associazioni, imprese "interessate" dagli ISA.

Fin 0Rhxkbcvqae Unsplash

Ufficiale la proroga dei versamenti per i soggetti ISA

In sede di conversione del c.d. "Decreto Omnibus" è stata ufficializzata la proroga, già annunciata dal MEF, del termine di versamento del saldo 2022 e del primo acconto 2023 delle imposte sui redditi nonchè del saldo IVA 2022 a favore dei soggetti ISA, compresi i forfetari e i minimi nonchè i soci, associati, collaboratori di società, associazioni, imprese "interessate" dagli ISA.

Con la recente conversione del c.d. "Decreto Lavoro" è stato confermato il riconoscimento degli specifici crediti d'imposta a favore delle imprese che esercitano l'attività di trasporto di merci in c/proprio e in c/terzi e che effettuano il servizio di trasporto di persone per il primo, secondo trimestre 2022 e secondo semestre 2022.

Carburante

Confermati i "bonus carburante" per il settore autotrasporto in sede di conversione del C.D. "Decreto Lavoro"

Con la recente conversione del c.d. "Decreto Lavoro" è stato confermato il riconoscimento degli specifici crediti d'imposta a favore delle imprese che esercitano l'attività di trasporto di merci in c/proprio e in c/terzi e che effettuano il servizio di trasporto di persone per il primo, secondo trimestre 2022 e secondo semestre 2022.

Come noto dal 30.06.2022 è scattata l'applcazione delle sanzioni a commercianti, lavoratori autonomi e imprese che rifiutano di accettare i pagamenti elettronici. A fine 2022 l'Agenzia delle Dogane aveva disposto il non assoggettamento all'obbligo di attivazione del POS a favore di tabaccai/titolari di patentino in relazione alle vendite di generi di monopolio, valori postali/bollati. Ora la stessa Agenzia ha revocato, con decorrenza dal 26.06.2023, la predetta esenzione dall'obbligo di accettare i pagamenti tramite POS con riferimento ai predetti beni. 

TABACCHI

Revocata l'esenzione POS per tabacchi, valori postali/bollati

Come noto dal 30.06.2022 è scattata l'applcazione delle sanzioni a commercianti, lavoratori autonomi e imprese che rifiutano di accettare i pagamenti elettronici. A fine 2022 l'Agenzia delle Dogane aveva disposto il non assoggettamento all'obbligo di attivazione del POS a favore di tabaccai/titolari di patentino in relazione alle vendite di generi di monopolio, valori postali/bollati. Ora la stessa Agenzia ha revocato, con decorrenza dal 26.06.2023, la predetta esenzione dall'obbligo di accettare i pagamenti tramite POS con riferimento ai predetti beni. 

In sede di conversione del c.d. "Decreto Bollette" sono state estese al secondo trimestre 2023 le agevolazioni già riconosciute per il 2022/primo trimestre 2023 a favore delle imprese "energivore" e "non energivore", imprese "gasivore" e "non gasivore", connesse alle spese sostenute per l'acquisto di energia elettrica/gas naturale, a fronte dell'incremento del relativo costo.

Crediti Energetici

Confermata l'estensione al 2 trimestre 2023 dei crediti energetici

In sede di conversione del c.d. "Decreto Bollette" sono state estese al secondo trimestre 2023 le agevolazioni già riconosciute per il 2022/primo trimestre 2023 a favore delle imprese "energivore" e "non energivore", imprese "gasivore" e "non gasivore", connesse alle spese sostenute per l'acquisto di energia elettrica/gas naturale, a fronte dell'incremento del relativo costo.

Entro il prossimo 30.06.2023 i gestori delle stutture ricettive sono tenuti a presentare la dichiarazione dell'imposta di soggiorno relativa al 2022. La dichiarazione va presentata anche dai soggetti che incassano il canone/corrispettivo, ovvero che intervengono nel pagamento dei canoni/corrispettivi relativi alle locazioni brevi. 

Imposta Di Soggiorno (2)

La dichiarazione dell'imposta di soggiorno 2022

Entro il prossimo 30.06.2023 i gestori delle stutture ricettive sono tenuti a presentare la dichiarazione dell'imposta di soggiorno relativa al 2022. La dichiarazione va presentata anche dai soggetti che incassano il canone/corrispettivo, ovvero che intervengono nel pagamento dei canoni/corrispettivi relativi alle locazioni brevi. 

La Finanziaria 2023 ha riproposto la rivalutazione dei terreni/partecipazioni posseduti all'01.01.2023. Il Legislatore ha esteso la rivalutazione anche alle partecipazioni negoziate in mercati regolamentati/sistemi multilaterali di negoziazione. Recentemente l'Agenzia delle Entrate ha istituito l'apposito codice tributo (8057) da indicare nel mod. F24 per il versamento dell'imposta sostitutiva dovuta dai possessori delle predette partecipazioni negoziate.

Codice Tributo

Istituito nuovo codice tributo per la rivalutazione delle partecipazioni quotate

La Finanziaria 2023 ha riproposto la rivalutazione dei terreni/partecipazioni posseduti all'01.01.2023. Il Legislatore ha esteso la rivalutazione anche alle partecipazioni negoziate in mercati regolamentati/sistemi multilaterali di negoziazione. Recentemente l'Agenzia delle Entrate ha istituito l'apposito codice tributo (8057) da indicare nel mod. F24 per il versamento dell'imposta sostitutiva dovuta dai possessori delle predette partecipazioni negoziate.

Il prossimo 16.6 scade il termine per effettuare il versamento della prima rata IMU 2023. 

Dimitri Karastelev Zh4fuyiaczy Unsplash

Versamento prima rata IMU 2023

Il prossimo 16.6 scade il termine per effettuare il versamento della prima rata IMU 2023. 

Per il periodo 2023-2027 le imprese che operano in specifici settori del commercio al dettaglio possono dedurre l'ammortamento dei fabbricati strumentali applicando il coefficiente del 6%. Considerato che, ai fini della deducibilità, è richiesta la previa imputazione a Conto economico, qualora l'ammortamento civilistico sia determinato con un coefficiente inferiore, è necessario modificare il piano di ammortamento.

Kelly Sikkema M98nrbuzbpc Unsplash

L'ammortamento del 6% per i fabbricati del settore del commercio

Per il periodo 2023-2027 le imprese che operano in specifici settori del commercio al dettaglio possono dedurre l'ammortamento dei fabbricati strumentali applicando il coefficiente del 6%. Considerato che, ai fini della deducibilità, è richiesta la previa imputazione a Conto economico, qualora l'ammortamento civilistico sia determinato con un coefficiente inferiore, è necessario modificare il piano di ammortamento.

Con un apposito Provvedimento l'Agenzia delle Entrate ha definito termini e modalità di presentazione della Comunicazione, da parte del fornitore che ha riconosciuto lo sconto in fattura/cessionario del credito derivante dalle detrazioni c.d. "Superbonus" / "Sisma bonus acquisti" / "Sisma bonus" e per interventi di superamento delle barriere architettoniche, al fine di poter scegliere l'utilizzo in compensazione del credito vantato in 10 rate annuali (anzichè 5/4).

Gabrielle Henderson Hjckknwcxxq Unsplash

Opzione per utilizzo crediti in 10 rate: comunicazione dal 02.05.2023

Con un apposito Provvedimento l'Agenzia delle Entrate ha definito termini e modalità di presentazione della Comunicazione, da parte del fornitore che ha riconosciuto lo sconto in fattura/cessionario del credito derivante dalle detrazioni c.d. "Superbonus" / "Sisma bonus acquisti" / "Sisma bonus" e per interventi di superamento delle barriere architettoniche, al fine di poter scegliere l'utilizzo in compensazione del credito vantato in 10 rate annuali (anzichè 5/4).

Nell'ambito del recente c.d. "Decreto Bollette" sono state estese al secondo trimestre 2023 le agevolazioni già riconosciute per il 2022/primo trimestre 2023 a favore delle imprese "energivore", imprese "non energivore", imprese "gasivore" e imprese non "gasivore", connesse alle spese sostenute per l'acquisto di energia elettrica/gas naturale, a fronte dell'incremento del relativo costo. 

Unnamed (5)

Il c.d. "Decreto Bollette" e l'estensione al 2 trimestre 2023 dei crediti energetici

Nell'ambito del recente c.d. "Decreto Bollette" sono state estese al secondo trimestre 2023 le agevolazioni già riconosciute per il 2022/primo trimestre 2023 a favore delle imprese "energivore", imprese "non energivore", imprese "gasivore" e imprese non "gasivore", connesse alle spese sostenute per l'acquisto di energia elettrica/gas naturale, a fronte dell'incremento del relativo costo. 

Nell'ambito della finanziaria 2022 il Legislatore ha riconosciuto un credito d'imposta per le spese sostenute nel 2022 relative all'installazione di sistemi di accumulo integrati in impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili.

Unnamed (3)

Definita la percentuale effettiva del bonus "sistemi di accumulo integrati"

Nell'ambito della finanziaria 2022 il Legislatore ha riconosciuto un credito d'imposta per le spese sostenute nel 2022 relative all'installazione di sistemi di accumulo integrati in impianti di produzione elettrica alimentati da fonti rinnovabili.

Agli autotrasportatori di merci è riconosciuto il rimborso/utilizzo in compensazione del c.d. "caro petrolio" connesso con gli acquisti di carburante per veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 t. Il bonus riferito ai consumi effettuati nel primo trimestre 2023 il soggetto interessato deve presentare un'apposita domanda all'Agenzia delle Dogane entro il 2 maggio 2023.

Unnamed (2)

Rimborso/compensazione "caro petrolio" primo trimestre 2023

Agli autotrasportatori di merci è riconosciuto il rimborso/utilizzo in compensazione del c.d. "caro petrolio" connesso con gli acquisti di carburante per veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 t. Il bonus riferito ai consumi effettuati nel primo trimestre 2023 il soggetto interessato deve presentare un'apposita domanda all'Agenzia delle Dogane entro il 2 maggio 2023.

L'incasso di benefici economici pubblici di ammontare complessivo pari o superiore a Euro 10.000,00 richiede di fornire specifiche informazioni nella nota integrativa del bilancio ovvero sul sito internet/portale digitale dell'associazione di categoria di appartenenza a seconda della natura del soggetto beneficiario (soc. di capitali/di persone, ditta individuale, associazione, ecc.).

Unnamed (4)

La pubblicità delle sovvenzioni e contributi pubblici 2022

L'incasso di benefici economici pubblici di ammontare complessivo pari o superiore a Euro 10.000,00 richiede di fornire specifiche informazioni nella nota integrativa del bilancio ovvero sul sito internet/portale digitale dell'associazione di categoria di appartenenza a seconda della natura del soggetto beneficiario (soc. di capitali/di persone, ditta individuale, associazione, ecc.).

Recentemente l'INPS ha comunicato le aliquote ed i minimali/massimali contributivi, applicabili per il 2023 da parte degli iscritti alla Gestione IVS artigiani e commercianti.

Immagine3

Gestione IVS artigiani e commercianti: aliquote 2023

Recentemente l'INPS ha comunicato le aliquote ed i minimali/massimali contributivi, applicabili per il 2023 da parte degli iscritti alla Gestione IVS artigiani e commercianti.

Con la predisposizione del progetto di bilancio da parte degli amministratori ha inizio l'iter che si conclude con l'approvazione del bilancio da parte dei soci. La convocazione dell'Assemblea per l'approvazione del bilancio deve avvenire entro il termine previsto dallo statuto, comunque non superiore a 120 giorni dalla chiusura dell'servizio oppure 180 giorni in caso di particolari esigenze.

L’iter di approvazione del bilancio 2022

Con la predisposizione del progetto di bilancio da parte degli amministratori ha inizio l'iter che si conclude con l'approvazione del bilancio da parte dei soci. La convocazione dell'Assemblea per l'approvazione del bilancio deve avvenire entro il termine previsto dallo statuto, comunque non superiore a 120 giorni dalla chiusura dell'servizio oppure 180 giorni in caso di particolari esigenze.

Nel mod. IVA 2023 è presente il quadro VQ utilizzabile al fine di far riemergere il credito IVA relativo ad anni precedenti collegato ai versamenti effettuati a seguito del ricevimento della comunicazione di irregolarità/notifica cartella di pagamento/ripresa versamenti sospesi per "eventi eccezionai".

Immagine2

La riemersione del credito IVA anni percedenti e contribuenti forfettari 2022

Nel mod. IVA 2023 è presente il quadro VQ utilizzabile al fine di far riemergere il credito IVA relativo ad anni precedenti collegato ai versamenti effettuati a seguito del ricevimento della comunicazione di irregolarità/notifica cartella di pagamento/ripresa versamenti sospesi per "eventi eccezionai".

In sede di predisposizione del modello IVA 2023, relativo al 2022, è possibile riscontrare l’omesso versamento, da parte del contribuente, di una o più liquidazioni periodiche.

Ricalcolo Credito

Gli omessi versamenti periodici e il "ricalcolo" del credito IVA 2023

In sede di predisposizione del modello IVA 2023, relativo al 2022, è possibile riscontrare l’omesso versamento, da parte del contribuente, di una o più liquidazioni periodiche.

A decorrere dall’1.2.2023 è stato attivato il portale tramite il quale è possibile compilare e inviare all’ENEA la Comunicazione degli interventi terminati nel 2023.

Enea

Attivato il portale ENEA 2023

A decorrere dall’1.2.2023 è stato attivato il portale tramite il quale è possibile compilare e inviare all’ENEA la Comunicazione degli interventi terminati nel 2023.

A decorrere dal 01.01.2023 il Legislatore ha previsto l'aumento da €1.000 a €5.000 della soglia per il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o valuta estera.

Limite Contanti

Aumentato dall'01.01.2023 a € 5.000 il limite per i pagamenti in contanti

A decorrere dal 01.01.2023 il Legislatore ha previsto l'aumento da €1.000 a €5.000 Euro della soglia per il trasferimento di denaro contante e di titoli al portatore in euro o valuta estera.

I debiti relativi a singoli carichi affidati all’Agente della riscossione nel periodo 2000-2015 di importo residuo, all’1.1.2023, non superiore a € 1.000, sono automaticamente “stralciati” al 31.3.2023.

Lo stralcio dei ruoli fino a € 1.000 e i chiarimenti dell'Agenzia

I debiti relativi a singoli carichi affidati all’Agente della riscossione nel periodo 2000-2015 di importo residuo, all’1.1.2023, non superiore a € 1.000, sono automaticamente “stralciati” al 31.3.2023.